Menu
Share

In questo articolo vediamo cosa occorre a un dj per essere autonomo come attrezzatura in quanto a impianto audio e luci per dj. Con Dj autonomo si intende il dj che ha già un impianto audio e luci proprio, e non deve perciò dipendere dai vari impianti dei luoghi in cui andrà a suonare. Ovviamente il dj autonomo porterà la sua attrezzatura solo in casi di Feste Private o di locali privi di attrezzature e non deve smontare l'impianto audio e luci di una discoteca per mettere il suo. Non è quindi indispensabile avere l'attrezzatura audio e luci per dj, lo è solo per coloro che vogliono essere più autonomi e specializzarsi in feste private.

b2IMPIANTO AUDIO

Speaker-Dj

L'impianto audio per dj è ciò che permette di far sentire la musica, emettendo i segnali audio. È composto dagli "speaker", ovvero dalle casse; negli impianti stereofonici (i più comuni) le casse sono solitamente due: una Left e una Right (sinistra e destra), poiché qualuqnue brano musicale ha i due segnali Left e Right. Bisogna però fare una distinzione fondamentale, tra casse attive e passive:

- Le Casse Passive sono le casse collegate ad un amplificatore esterno. L'amplificatore (una sorta di centro di comando dell'impianto) riceve energia elettrica, riceve il segnale audio, e fa in modo di dare segnale e energia alle due casse collegate  solo con un cavo rca a esso. Dall'amplificatore si regola il volume in entrata e in uscita, e (a volte) le frequenze del suono.

- Le Casse Attive hanno invece un amplificatore interno, e quindi ricevono direttamente loro energia e segnale, e sono autonome da amplificatori esterni. Questo in pratica significa che non serve un amplificatore esterno per farle funzionare, e che hanno bisogno di essere collegate ad una presa elettrica per funzionare.

 migliori-casse-per-dj

"Che tipo di impianto audio per dj devo utilizzare?"

b1 Bisogna selezionare l'impianto Audio adatto a ciò che ti occorre. I criteri di selezione sono principalmente i Watt, ovvero la potenza delle casse in questione. I Watt di un impianto si sommano, ovvero se si ha un impianto con due casse da 300 Watt l'una, si ha un impianto da 600 Watt totali.

Se serve un impianto per ambienti chiusi “medi” la potenza ideale va dai 150 ai 300 Watt, per ambienti chiusi mediamente grandi dai 300 ai 500, per ambienti chiusi grandi dai 500 ai 1000 e per discoteche e per ambienti esterni dai 1000 in su in relazione all'ambiente da coprire. Per i grandi eventi occorre avere un impianto audio che offra ottime ed elevate prestazioni, con migliaia di watt: in questi casi è meglio chiamare un personale esperto che monti e monitori il tutto.


b3 Attenzione: i Watt devono essere RMS, ossia effettivi. Molte casse economiche dichiarano Watt molto alti a prezzi altrettanto bassi perché non sono Watt effettivi. Prima di un acquisto o di un affitto è meglio assicurarsi dunque di sapere quanti sono i Watt RMS.


b1 Assieme alle casse audio per Dj ci sono normalmente i Sostegni. Sono i classici treppiedi sui quali poggiare le casse, e in questa maniera le onde sonore arrivano agli ascolatori in maniera ottimale. E' sconsigliato infatti poggiare le casse per terra senza sostegni: oltre al fatto che è rischioso, il suono si sentirà estremamente male!


b3 Ricorda: l’onda sonora non dovrebbe mai arrivare ne eccessivamente sopra ne eccessivamente sotto la testa del pubblico. L’uso dei sostegni si rivela dunque essere fondamentale.


b1 Cavi: diversamente da quello che si può pensare, il costo dei cavi può essere relativamente alto, anche superiore a quello dei sostegni, ma essi sono fondamentali per l'allestimento audio per il dj. Prima di comprare i cavi occorre ricordarsi che devono essere compatibili con l’uscita del  mixer/consolle usata dal dj e con l’entrata delle casse. Controllare accuratamente prima di effettuare l’acquisto è quindi un'ottima mossa per evitare poco gradevoli sorprese. 

 

Attenzione: le casse dell'impianto audio per dj non devono MAI andare in Clipping. Il clipping è la distorsione causata da volumi troppo alti (sopra gli 0 dB), ovvero quello che senti quando alzi il volume al massimo e tutto suona più ovattato. Spesso c'è il problema che le casse sono troppo deboli per la serata in questione, e la gente vuole il volume più alto, perciò il dj sacrifica le casse andando in clipping. Questo non deve mai accadere: la regola perfetta sarebbe utilizzare un impianto audio con il doppio della potenza necessaria all'evento, in modo da tenere sempre il volume a metà.

 

b2IMPIANTO LUCI

 

audio-e-luci-per-dj-5 

L'impianto luci per dj è composto dalle varie luci e effetti ottici per le serate. Le luci per dj sono molto importanti, perché incitano la gente a ballare e a divertirsi e la loro presenza o meno può addirittura cambiare l'esito di una serata da negativo a positivo. Insomma, una discoteca senza luci non è una vera discoteca e le feste private munite di luci adeguate ottengono risultati sempre migliori rispetto a quelle che non dispongono di un adeguato impianto luci. L'allestimento luci per i dj è composto da vari tipi di fari, tutti collegati a un mixer, dove si può regolare l'intensità delle varie luci in tempo reale (questo lavoro nei locali viene fatto dall'LJ, il Light Jockey, e nei mixer luci moderni si possono anche impostare dei preset di combinazioni pronte all'uso).

audio-e-luci-per-dj-4

b4 Analizziamo i più Comuni  Tipi di Luce per Dj:

b1 Fari a Led: Sono i classici fari dei classici colori (blu, bianco, giallo, rosso, verde), stabili su una posizione, e possono o essere fissi su un colore o cambiarlo con transizioni sfumate dopo un certo periodo di tempo.

b1 Luci Laser: Nella sezione impianto luci per dj non potevano mancare le luci laser: esse sono una sorta di fari a led, ma con una luce meno ampia, più concentrata, molto più potente.

b1 Effetti Laser: Sono luci laser che formano combinazioni a effetto, come pallini che si muovono, cerchi e forme geometriche che si incrociano tra loro e molto altro.

b1 Teste Mobili: Sono luci laser molto importanti per l'impianto luci per dj con una costruzione particolare, che gli permette di ruotare su se stessa e in cerchio, in modo da spostare il faro di luce a tempo con la musica, poiché spesso è infatti collegato con l'impianto audio per dj.

b1 Strobo: E' l'effetto luce più conosciuto. Da una luce psichedelica bianca a scatti, spesso a tempo con la musica. È di gran lunga la luce più forte, più necessaria e più efficace per una discoteca.

b1 Macchina del fumo: E' un particolare macchinario che rende a stato gassoso un liquido interno (ricaricabile) e ne fa uso generando un effetto di dispersione di fumo in mezzo alla pista da ballo, spesso questo effetto può essere integrato con altri macchinari dell'impianto luci per dj in maniera da creare fasce ed effetti luminosi tra il fumo.

 

b4 Le luci sono importantissime per fare in modo che il pubblico si diverta. Ma altrettanto importante è sapere come effettuare un dj set che faccia impazzire il tuo pubblico. Abbiamo realizzato una guida proprio riguardo a questo, con tutte le tecniche su come riempire la pista. Puoi trovarla cliccando Qui.

 


 

 

Cos'altro vuoi leggere?

 

 

tonalita