Menu
Share

Negli articoli precedenti Mettere a Tempo e Guida ai BPM, abbiamo imparato la prima fase del Mixaggio, la messa a tempo. In questo e nel prissimo articolo analizzeremo le fasi centrali del mixaggio: la regolazione volumi e la regolazione frequenze. Difatti, durante il cambio, è necessario effettuare la "miscela" dei due brani utilizzando volumi e frequenze. In questo articolo analizziamo i volumi.

 

 


 

 

INNANZITUTTO, Nei Mixer delle Consolle di qualunque tipo, e nei programmi da Dj professionali, esistono due tipi di parametri per la regolazione del volume di un brano: il Fader e il Gain. Per spiegare bene questi due parametri dobbiamo fare una breve spiegazione su com'è fatto un Deck da Dj, sia materiale (consolle) che virtuale (Software):

 

  • Fader-Gain-Volumi-Preascolto-in-Cuffia-dj-6Ci sono almeno due Piatti, che sono i riproduttori dei brani, uno per piatto. è quindi indispensabile averne almeno due per fare un mixaggio con cambi semplici. Nei Piatti troviamo i parametri relativi alla canzone, ovvero il PitchBend, il  Bpm Counter, eccetera. Nelle Consolle classiche i piatti sono dati dai Cdj
  • Il Mixer è la parte centrale, è dove finiscono i segnali audio dei piatti, due o più, e dove li si può miscelare. Infine il Mixer invia il suono finale processato nel Master, ovvero il canale di uscita, che si attaccherà alle casse o a dove vogliamo. Il mixer è composto da una parte dove ci sono i parametri che lavorano su tutto o sul master, e da parti specifiche tutte uguali tra loro, una per ogni piatto. Queste ultime si chiamano Canali; un canale fa riferimento a un piatto, e ha vari parametri che lavorano solo sulla canzone di quel piatto. In ogni canale troviamo Gain e Fader che lavorano sulle rispettive canzoni.

                                                   Fader-Gain-Volumi-Preascolto-in-Cuffia-dj-1

 

Ora che abbiamo visto dove si trovano Gain e Fader, vediamo a cosa servono. Entrambi aumentano o diminuiscono il volume a seconda di come lo muoviamo; e allora da cosa si differenziano? Non potevano farne uno solo che regola il volume e basta?

 

b1 Fader-Gain-Volumi-Preascolto-in-Cuffia-dj-4Il Gain regola il volume del brano nel vero senso della parola, ed è un parametro stabile durante il mix: bisogna impostarlo una volta e mantenerlo così per tutta la durata del brano, salvo casi eccezionali. Di norma, infatti, bisognerebbe cercare di mantenere un volume costante per tutto il Dj Set, ovvero ogni canzone dovrebbe avere avere il Drop  (che è il picco del volume del brano) allo stesso volume con gli altri drop delle altre canzoni del Dj Set. Ovviamente non si può fare una cosa precisa al 100%, almeno non Live, ma si deve cercare di fare del proprio meglio. Per questo, prima di fare il cambio, si regola con il Gain il brano in entrata, per fare in modo che sia allo stesso volume del brano in uscita. Non c'è molto da cambiare, di solito tutte le canzoni vengono prodotte con un Drop a volume 0 dB, che è il volume massimo senza distorsione, ma a volte possiamo trovare brani con volume più basso, ed è li che si aumenta un pochino il Gain. Oppure se stiamo lavorando in preserata e vogliamo tenere un volume complessivo basso, abbassiamo il Gain o del Master (c'è un  Gain apposito per il master) o abbassiamo allo stesso livello i volumi di tutte e due le canzoni, attraverso i Gain dei canali.
Il parametro del Gain, se non toccato, è impostato in modalità Default al centro, a 0 dB (questo non vuol dire che il brano sarà a 0 dB, ma che non subisce modifiche di volume dal suo volume originale). Possiamo girare a sinistra il parametro, e più lo giriamo e più abbassiamo il volume, fino ad arrivare (nei Gain delle Consolle professionali) a - , ovvero meno infinito, ovvero il brano è completamente muto. Se invece giriamo il parametro a destra, il volume del brano aumenterà, fino a un massimo di + 16 dB. 
è ESTREMAMENTE IMPORTANTE ricordare di NON andare mai in Clipping, ovvero distorsione, aumentando troppo il Gain dei brani. Si sa che molte volte i Dj si trovano davanti a situazioni di impianti audio troppo piccoli per le necessità della serata, e sforzano il Mixer aumentando il Gain; ma c'è da stare attenti! Il Clipping danneggia le casse, danneggia il Mixer, e danneggia la qualità del suono della musica che si sentirà. Si va in Clipping quando il brano (non il Gain ma il brano stesso) supera gli 0 dB. Si può vedere questo dal Metering che di solito è affiancato a ogni canale. Il Metering è una specie di "casella costituita da cellette" che si colorano a seconda del volume del brano. Se va in clipping, le cellette in alto si colorano di rosso, ed è un segnale di abbassare il volume.

  

b1 Fader-Gain-Volumi-Preascolto-in-Cuffia-dj-2Il Fader, invece, è la leva sottostante. Anch'essa regola il volume, ma in modo diverso: prende il suono già aumentato/diminuito dal Gain, e lo processa. Se la leva è completamente tirata su al massimo, si sentirà il suono semplicemente come dovrebbe essere con le modifiche del Gain. Più si abbassa la leva, più si abbassa il volume (tuttavia iòl Fader processa il suono Dopo il Gain, quindi se ci sarà Clipping per colpa del Gain, abbassando il Fader si sentirà comunque il Clipping, solo più in lontananza). Abbassando completamente la leva, non si sentirà nulla.

 

Fader-Gain-Volumi-Preascolto-in-Cuffia-dj-3Il Fader serve durante il Mixaggio. Infatti, durante la messa a tempo il Fader del brano in entrata è abbassato del tutto, in modo che la gente ascolti solo il brano in uscita. Il Dj, invece, può ascoltare anche il brano in entrata con il fader abbassato, attraverso il Preascolto, ovvero le Cuffie. A seconda dello strumento da Dj che si ha, ci sono modi differenti per selezionare i canali da sentire in preascolto; in ogni caso, selezionando un canale in preascolto, lo si sentirà in cuffia perfettamente, anche se si ha il Fader abbassato (però se si abbassa il Gain non si sentirà nulla anche dal preascolto). State già iniziando a capire qui a cosa serve il Fader? Se non l'avete ancora intuito, ecco spiegato:

Durante il Mix si tiene il Fader del brano in uscita alzato, e quello in entrata abbassato. In cuffia si metterà il preascolto di entrambi i brani (o solo di quello in entrata, se quello in uscita si sente molto bene dalle casse). In questo modo il Dj può sentire tutti e due i brani, mentre il pubblico solo uno, quello in riproduzione. Il dj potrà lavorare tranquillamente sul brano in entrata, fare la messa a tempo, provarlo, ascoltarlo, regolare il Gain, eccetera; e nessuno dal pubblico sentirà nulla.
Una volta terminata la messa a tempo, e quando è venuto il momento di fare il Mix, si riproduce il brano a tempo con l'altro, e man mano si alza il fader, per far entrare "in scena" il brano in entrata. Dopo di che, se il tipo di mix lo richiede, si possono tenere entrambe le canzoni con i Fader alzati (solo se stanno bene assieme) altrimenti si passa subito all'abbassamento graduale del Fader del brano in uscita, in modo che piano piano rimanga solo il brano in entrata.

 

 


 

 

Fader-Gain-Volumi-Preascolto-in-Cuffia-dj-5Nei Mixer da dj c'è un parametro alternativo ai due fader, ovvero il Crossfader; esso sembra un fader orizzontale, e l'indicatore in esso, di Default è impostato a metà dei due poli. Se il Crossfader è attivato, In questa posizione si sentiranno entrambi i canali (stiamo parlando di un mixer a due canali). Se si sposta il Crossfader da un lato, si sentirà man mano sempre meno un canale e sempre di più l'altro, fino ad arrivare a sentire solo quello, e viceversa spostandolo dall'altra parte. Nei Mixer con più canali c'è la possibilità di assegnare due canali al polo A e al polo B. è in pratica una sorta di Volumizzazione del mix automatica, che fa da solo il lavoro che faremmo noi con i due fader; è tuttavia molto scomoda e poco precisa, e quindi non soddisfa le esigenze dei dj non principianti. 

Quindi, alla fine, l'effetto voluto con la volumizzazione per Fader è che si sta sentendo il brano A; piano piano si inseriscano elementi del brano B, sempre sentendo il brano A continuare. Dopo un po' si sente più il brano B che l'A, e pian piano l'A svanisce, fino a rimanere solo il B. Tutto questo deve avvenire in modo ordinato e non evidente, il ritmo deve rimanere e non devono esserci due canzoni completamente dissonanti tra loro.

tonalita